Tag Archives: barguil

TOUR DE FRANCE 2017,17^,18^ TAPPA

Pubblicato da Luca Cianflone il 21/07/2017

Le due tappe alpine del Tour de France hanno emesso la dura sentenza contro il nostro Fabio Aru, le salite che avrebbero potuto lanciarlo alla vetta del Tour, lo hanno respinto…

Risultati immagini per fabio aru

17^ tappa iniziata con le buone intenzioni di mettere in difficoltà la Maglia Gialla da parte degli altri capitani, il più deciso, il campione Contador, lo spagnolo scatta ai 125 km e dopo un inseguimento lunghissimo raggiunge i fuggitivi  tenendo il gruppo a circa 3’30″ a 50 km dall’arrivo.
Nel gruppo dei migliori si viaggia trainati dalla Sky, il ritmo alto costringe Quintana a mollare durante un tratto di dura salita, i big si controllano fino ai 34 km quando Martin si porta in testa ed accelera, provocando l’assottigliamento del team Sky. Pochi km dopo attacca Bardet ed iniziano le difficoltà di Fabio Aru… Accelerano e lui si stacca, ma con grinta e cuore rientra al primo rallentamento, una, due, tre volte il sardo ritorna sui migliori, i quali però avvisati delle difficoltà del secondo in classifica, attaccano ancora staccando il capitano dell’Astana di circa 20 secondi in cima al Galibier, secondi che sarebbero ulteriormente aumentati nei km di discesa pedalabile che hanno portato i corridori al traguardo.
I big s’involano in discesa, collaborando e tirando tutti recuperano sulla testa della corsa ed aumentano il distacco da Aru. Nel gruppo dei fuggitivi già dagli ultimi km di salita si era avvantaggiato Roglic, unico a resistere al ritorno della Maglia Gialla e vincitore di giornata con 1’13″ su Uran, Froome, Bardet e l’ottima Maglia a Pois Barguil. Landa a 1’16″ ed il gruppo Aru, con Martin, Contador e Meintjes a oltre 1’40″.
Aru pagherà quindi oltre trenta secondi dai suoi rivali, apparsi più freschi del sardo in salita. Bravo a non mollare e limitare i danni, ma la gamba non è certo quella delle prime due settimane.
Da segnalare i ritiri di Pinot e soprattutto della Maglia Verde Kittel, maglia che ora passa al bravissimo Matthews; Barguil consolida la sua Maglia a Pois ed Yates, nonostante in questa tappa abbia perso più di un minuto da Meintjes.

Risultati immagini per roglic

 

La 18^ tappa palesa le difficoltà di Aru. Gruppo spezzato in due, una sessantina di corridori si lanciano in fuga, nessuno di preoccupante per la Maglia Gialla, quindi distacco lasciato dilagare fino a quasi 7 minuti.
La Sky controlla la corsa ma durante la salita di Col de Vars l’AG2R si mette in testa ed alza il ritmo, cercando di sfaldare il treno della Sky, riducendo di circa tre minuti il vantaggio di Lutsenko e del francese Edet, avvantaggiatesi dai fuggitivi, portando il ritardo a 3’50″ a circa 10 km all’arrivo, cioè ai piedi dell’ultima salita del Col D’Izoard, dove si  deciderà il Tour.
La tensione aumenta, i big si controllano cercando di intuire l’energie di ognuno, ai 6 km primo scatto di Bardet, rispondono i primi della generale tranne Aru, costretto anche oggi ad inseguire; una volta rientrato si susseguono altri scatti dai quali Aru non può far altro che difendersi. Contador ancora protagonista, poi ancora uno scatto di Martin infrangono le speranze dell’Astana, il sardo non riesce a tenere il passo dei migliori; pedalando con il cuore riuscirà a non naufragare. Ai 3 km scatta Bardet, chiude Froome e parte al contrattacco, costretto a chiudere il bravissimo Uran. Davanti Atapuma si è portato in testa, dietro di lui Barguil in rimonta e a qualche secondo ancora Froome, Uran e Bardet, con Landa ad aiutare il capitano della Sky, ancora un lavoro di squadra incredibile per la Maglia Gialla, malissimo l’Astana.
Barguil riprende il colombiano in testa e va a vincere un’altra tappa, consacrando la sua Maglia a Pois, secondo Atapuma a 20″ e con lui Bardet, Froome ed Uran a 22″. Dietro di qualche secondo Landa che scavalcherà Aru in Classifica Generale, arrivato con più di un minuto dai migliori.

Risultati immagini per barguil
Fabio ha perso la possibilità di lottare per il Tour, molto probabilmente anche il podio, ma la corsa dell’italiano è comunque da considerarsi ottima, due giorni in Maglia Gialla, una vittoria ed il regalo di averci fatto sognare… E’ giovane, potrà ancora crescere e migliorare, nella speranza che l’anno prossimo potrà avere una squadra migliore.

Risultati immagini per roglic
Ora la vittoria è nelle mani di Froome, in vista della cronometro di sabato solo un problema tecnico o qualche altro imprevisto potrebbe impedirgli di vincere il Tour 2017. Bardet ed Uran si giocheranno la seconda posizione, il colombiano dovrebbe essere leggermente favorito.
Domani nel frattempo tappa pianeggiante, volata o arrivo della fuga.
Buon Tour de France a tutti!

Risultati immagini per classifica generale tour de france

TOUR DE FRANCE 2017, 13^ TAPPA

Pubblicato da Luca Cianflone il 15/07/2017

Risultati immagini per aru

Il Tour de France affronta la tappa più corta della stagione, cronometro escluse, 100 km da Saint a Foix, tutti da percorrere d’un fiato, salite comprese.
La novità di giornata è la Maglia Gialla indossata da Fabio Aru, quindi l’onere di tenere la corsa sotto controllo spetterà all’Astana dell’italiano, compito arduo oggi, sia per il percorso, sia perchè la squadra kazaka non è parsa per nulla competitiva, falcidiata dagli infortuni.
Neanche il tempo di salire in bici e la corsa esplode, attacchi multipli e gambe costrette a girare fin da subito ad alto ritmo. Dopo circa 40 km la tappa vede in testa Contador, il campione spagnolo non vuole arrendersi e prova da lontano a battere un colpo, con lui un altro iberico, Landa, il più pericoloso per la generale a meno di 3 minuti da Aru; si aggiungeranno alla coppia di fuggitivi la maglia a Pois Barguil e il grande sconfitto fino ad oggi del Tour Quintana, voglioso di recuperare secondi sui primi. Aru già solo dopo pochi km, complice il ritiro di Fuglsang, non può tenere da solo la gara, Landa spinge sfiorando anche la Maglia Gialla virtuale, ma per fortuna gli altri capitani mettono i propri uomini a lavorare ed il distacco non dilaga; a metà corsa il gap si stabilizza intorno ai 2’20″.
Si arriva agli ultimi 30 km a ritmo folle, il gruppo Aru è composto da una decina di corridori, i primi della generale, in testa si porta Daniel Martin a dettare un ritmo alto in salita, questo procura la resa di Bennet; Landa e Contador  resistono a 2’30″, poco dietro Quintana e Barguil al loro lungo inseguimento, Landa sembra essere tra i più in forma di questo Tour.
Ai 27 km il primo attacco di Froome, una fucilata a cui risponde Aru e tutti i migliori, pagano Martin e Yates, ma i due rientreranno nella discesa successiva.
I quattro davanti si riuniscono, il gruppo Maglia Gialla, sotto gli attacchi del capitano della Sky, riduce il distacco fino a 1’40″.
Non essendoci nessun compagno di squadra della Maglia Gialla, i big si controllano in discesa, Landa e soci riguadagnano qualcosa e dietro i capitani si lanciano in attacchi solitari. Froome il primo ad attaccare aiutato dal compagno Kwiatkowski, avvantaggiatosi dall’inizio della tappa, Aru chiude, poi Bardet, Martin, nessuno riesce a staccare i rivali, l’italiano, giustamente, risponde solo agli attacchi di Bardet e Froome, è da solo, non può tenere tutti…
Al termine della discesa Martin e Yates riescono a sganciarsi e guadagnare qualche secondo, nella fuga nel frattempo ci si prepara alla volata, Landa si disinteressa e va a tutta per guadagnare più secondi possibili, Contador, Quintana e Barguil sfruttano il lavoro dello spagnolo e rifiatano in vista dell’arrivo; ai 500 m parte Contador, ma Barguil lo segue e lo supera agevolmente andando a vincere la tappa, dietro di lui Quintana ed il capitano della Trek, Landa perde due secondi dai primi e manca l’abbuono. 1’39″ dopo arrivano Yates, che consolida la sua Maglia Bianca e Daniel Martin, 9″ più dietro il gruppetto di Aru.

Risultati immagini per barguil

La giornata sarebbe potuta essere dannosa per Aru in giallo, pericolo sventato, Froome, Bardet ed Uran non hanno recuperato nulla, unica nota stonata la risalita preoccupante di Landa, ora a poco più di un minuto ed il recupero di Quintana, anche se il colombiano rimane a più di due minuti. Martin e Yates rosicchiano 10 secondi e Contador rientra nella Top Ten.
Come detto Aru tiene la Maglia Gialla, Yates e Barguil consolidano la loro classifica per la Maglia Bianca e per la Maglia a Pois e Kittel rimane in verde.
Quella di oggi sarà una tappa buona per gli attaccanti, possibile l’arrivo della fuga, ma attenzione agli ultimi km, non escludo arrivo in volata a ranghi ristretti. Aru non dovrebbe correre rischi, ma nel ciclismo non si può mai dire… Favorito di giornata Van Avermaet.
Buon Tour de France a tutti!

Risultati immagini per classifica generale tour